Food Wars: è polemica sul seno di Erina Nakiri giudicato sessista, ma i fan non ci stanno e rispondono a tono

Di recente un video TikTok che puntava in maniera indignata il dito sul seno di Erina Nakiri, una delle protagoniste principali di Food Wars! Shokugeki no Soma, ha scatenato delle polemiche sul web circa la rappresentazione sessista del personaggio dell’anime ispirato all’omonimo manga culinario di Yuuto Tsukuda e Shun Saek.

Dagli USA arriva una polemica sul seno di Erina Nakiri di Food Wars, ma i fan dell’anime non ci stanno e rispondono a tono

Nel video, visibile qui di seguito, l’utente TikTok @shrimptempuraroll ha reagito abbastanza contrariata riguardo una scena in cui l’outfit da chef di Erina sembra troppo aderente al prosperoso seno della detentrice del “palato divino” tanto da risultare irreale. @shrimptempuraroll ha evidenziato come i veri camici da chef tendano ad appiattire il seno, denunciando un character design sessista:

Come fa quel camice a vestire in quel modo Di cosa è fatto? Sta cucinando, perché c’è il bisogno di sessualizzare il suo abbigliamento da cuoca?

Rilanciato su Twitter e opportunamente sottotitolato in giapponese, il video ha raccolto tante visualizzazioni e commenti che si sono divisi tra coloro che appoggiavano la presa di posizione riguardo questa rappresentazione delle donne (e sull’impatto della visione del mondo femminile) e chi ha voluto sottolineare come negli anime e nei manga le tette generose delle ragazze rappresentino quasi un elemento caratterizzante tutt’altro che reale.

“Si tratta di libertà di espressione. Punto.”

“Non si guardano gli anime per avere una rappresentazione della realtà.”

“Negli anime i personaggi hanno anche i capelli rosa o viola, non è che tutto sia pensato per corrispondere alla vita reale.”

“È strano che gli attivisti difendano la libertà delle donne in carne di mettersi in bikini e poi si arrabbiano se un personaggio immaginario ha un corpo fantastico.”

“Forse l’anime dovrebbe iniziare con messaggi di avvertimento tipo «questo è un anime per uomini», quindi le donne non devono guardarlo e offendersi.”

Leggi anche: Bubble tea challenge – In Giappone impazza la sfida tra chi riesce a bere con le tette

È chiaro come l’esagerazione di alcuni aspetti fisici dei personaggi di anime e manga rappresenti un tratto iconico di queste tipologie di media, come appunto le strane capigliature, gli occhi sproporzionati, i nasini a volte quasi invisibili o le strane espressioni dei protagonisti; se poi consideriamo che in Food Wars le persone si denudano per sottolineare l’apprezzamento per il sapore delle pietanze, oppure che c’è gente che va a zappare la terra in mutande, allora appare ancora più evidente come tali polemiche tendano a essere alquanto eccessive se decontestualizzate da quello che è l’anime in sé.

Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere con un vostro commento qui sotto!

Trama di Food Wars

La serie anime segue le vicende di Soma Yukihira, un ragazzo di quindici anni il cui sogno è diventare chef della tavola calda di famiglia e superare le straordinarie abilità culinarie del padre Jōichirō che sfida quasi quotidianamente nella preparazione di ricette perdendo però sistematicamente.

Concluse le scuole medie, Soma viene iscritto a sua insaputa dal padre al liceo Tōtsuki, un’elitaria scuola di cucina dove soltanto il 10% degli studenti riesce a diplomarsi dopo aver affinato le proprie capacità culinarie attraverso lezioni e, soprattutto, durissime e altamente competitive battaglie culinarie.

Fonte: SoraNews24

...e questo?
drive-in horror
Il drive-in dell’orrore, adesso in Giappone la paura si vive (al sicuro) in auto