Valraven: annunciato il nuovo GdR di The World Anvil e Black Box Games

Giornata di annunci nel mondo dei giochi di ruolo! The World Anvil e Black Box Games hanno infatti rivelato l’uscita del loro nuovo GdR: Valraven: Le Cronache del Sangue e del Ferro.

Ecco le prime informazioni su Valraven: Le Cronache del Sangue e del Ferro, prossimo gioco di ruolo fantasy dark di The World Anvil e Black Box Games

Dopo il connubio che ha portato a Evolution Pulse Rinascita, The World Anvil e Black Box Games collaborano per un nuovo gioco di ruolo. Valraven: Le Cronache del Sangue e del Ferro è un GdR fantasy dai toni oscuri che unisce scontri sanguinari, creature demoniache e guerre per il dominio del continente.

Valraven: Le Cronache del Sangue e del Ferro, nuova collaborazione fra The World Anvil Publishing e Black Box Games, è un GdR che vi catapulterà in un mondo fantasy e oscuro, dove imperi e creature demoniache combattono una guerra eterna per il dominio del continente. Ispirato alle atmosfere del manga Berserk, e di altre opere dark come la saga video ludica di Dragon Age e quella letteraria delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, Valraven calerà i giocatori nei panni di una compagnia mercenaria, uomini e donne uniti da un destino di guerra, in fuga dall’ombra di un oscuro passato e diretti verso la luce di un futuro diverso.

Insomma, delle premesse davvero molto interessanti! Come Evolution Pulse Rinascita, Valraven utilizza il sistema di gioco Monad Echo, elaborato per l’occasione per gestire i temi portanti del setting, come le situazioni di battaglia, le dinamiche della compagnia mercenaria e la gestione delle varie fazioni coinvolte nel conflitto.

Il gioco verrà anticipato da un Quickstart gratuito che uscirà proprio durante il mese di giugno 2020. Il manuale di Valraven: Le Cronache del Sangue e del Ferro, invece, arriverà su Kickstarter dopo l’estate. Ora non ci resta che aspettare ulteriori news su questo gioco di ruolo!

...e questo?
Spire la città deve cadere
Lotta e rivoluzione con Spire: La città deve cadere – Recensione