PlayStation 5 e Unreal Engine 5: primo gameplay con la demo Lumen in the Land of Nanite

PlayStation 5 Unreal Engine 5

Epic Games ha presentato oggi l’Unreal Engine 5, il suo motore grafico di prossima generazione, e lo ha fatto su PlayStation 5 con una demo tecnica che in pratica rappresenta il primo gameplay dell’attesa console next gen di Sony.

Unreal Engine 5 si mostra su PlayStation 5 con la demo tecnica Lumen in the Land of Nanite svelando le potenzialità della grafica next gen

La demo tecnica, chiamata Lumen in the Land of Nanite, è stata diffusa online tramite un trailer che potete vedere qui di seguito.

La demo mostra l’incredibile risultato della gestione della grafica next gen in tempo reale del nuovo motore grafico, mettendo di fronte ai nostri occhi le potenzialità che l’Unreal Engine 5 sarà in grado di fare sulle console di prossima generazione PlayStation 5 e Xbox Series X, oltre che sulle moderne schede grafiche che equipaggiano i PC.

Infatti il nuovo engine non si limiterà a supportare PS5 e Xbox Series X, ma sarà disponibile anche sulle console dell’attuale generazione, ovvero PlayStation4, Xbox One e Nintendo Switch, oltre a supportare i sistemi Mac e i device mobili Android e iOS, con l’Unreal Engine 5 che sarà altamente scalabile, come assicurato da Tim Sweeney, con l’obiettivo di raggiungere un fotorealismo paragonabile alla realtà:

Abbiamo appena rilasciato un primo sguardo a Unreal Engine 5. Uno dei nostri obiettivi in questa prossima generazione è raggiungere il fotorealismo alla pari con la CGI cinematografica e la vita reale e metterlo a portata di mano di team di sviluppo di tutte le dimensioni attraverso strumenti altamente produttivi e ricche librerie di contenuti.

Nanite virtualized micropolygon technology

La nuova tecnologia di micropoligoni virtualizzati Nanite libererà gli artisti consentendogli di creare tutti i dettagli geometrici che l’occhio può vedere. La geometria virtualizzata significa che l’Unreal Engine può importare i modelli 3D composti da milioni o miliardi di poligoni derivanti da modelli ZBrush, scansioni fotogrammetriche, dati CAD e altro. La teconologia Nanite permette la riproduzione streaming e il ridimensiona in tempo reale, quindi non ci sono più limiti di poligoni o di memoria legate al numero dei poligoni che vengono disegnati, non sarò più necessario inserire tutti i dettagli a priori nelle mappe e non ci sarà perdita di qualità.

Fonte: Unrealengine

...e questo?
Call of Duty Modern Warfare e Warzone
Call of Duty: Warzone – Svelata la data di uscita della stagione 4