Oscura Minaccia: recensione del GdR fantasy di Vas Quas Editrice

Oscura Minaccia

Oscura Minaccia è un gioco di ruolo fantasy di Vas Quas Editrice: un piccolo (solo nel formato!) ma grande universo dove creare il nostro mondo in cui si muoveranno personaggi che combattono contro una terribile e mortale minaccia.

Scopriamo Oscura Minaccia, GdR di stampo narrativo di Vas Quas Editrice. Prepariamoci a creare il nostro mondo fantasy e a combattere la Minaccia!

Un GdR che ripropone una delle grandi passioni di noi giocatori di ruolo, il fantasy, in un sistema di gioco decisamente originale per questo genere. Infatti, Oscura Minaccia è un GdR narrativo pensato principalmente per brevi giocate (circa 4 ore) per un numero preferibile di 3 – 5 giocatori.

Il GdR, ideato da Giovanni Micolucci, è la seconda edizione de Il Mio Fantasy del 2014 ed è ora tornato in una veste aggiornata e rinnovata che permette, una volta letto il manuale, di creare sin da subito la propria avventura.

Il punto focale del GdR, da cui deriva anche il titolo, è la presenza di una terribile oscura minaccia che attenta al mondo in cui vivono i personaggi giocanti. Solo loro sono consapevoli della fine imminente e metteranno in gioco tutte le loro competenze, il loro coraggio e la loro forza per salvare il mondo. Molto epico? Decisamente! Ma addentrandovi più in profondità nel sistema di gioco vi renderete conto che Oscura Minaccia è un GdR che ha molta più profondità di quanto si possa pensare ad un approccio superficiale.

Oscura Minaccia: come iniziare a giocare

Innanzitutto, Oscura Minaccia non ha un vero e proprio setting di gioco, ossia non esiste un’ambientazione predefinita. Nel manuale quindi, un volume di 80 pagine, non troverete descrizioni di città e mondi fantasy per le vostre avventure, ma sarete voi stessi al tavolo di gioco a delineare i contorni dell’ambientazione in cui vi piacerebbe giocare.

In sostanza, la prima cosa che dovrete fare per giocare a Oscura Minaccia sarà “pennellare” il mondo di gioco, decidendo dove volete che si muovano i personaggi. Una volta potrete optare per un’ambientazione steamfantasy, un’altra volta far vivere un mondo dai toni classici con poca magia, un’altra volta ancora colorare il mondo con particolari creature tutte in grado di utilizzare poteri magici. Insomma, non c’è proprio limite alla fantasia! Questo è proprio uno dei punti focali di Oscura Minaccia: si tratta di un gioco di ruolo in cui ci sono poche regole predefinite e tantissimo è dato alla fantasia dei giocatori al tavolo e alle idee che emergono direttamente quando si gioca.

A questo punto, il secondo passaggio è quello relativo alla creazione del Personaggio. Analogamente al setting, anche la creazione del PG avviene direttamente al tavolo da gioco, senza bisogno di tirare dadi o definire statistiche particolari. Il proprio personaggio appartiene a uno degli Archetipi presenti e descritti nel manuale: Esploratore, Geniere, Guerriero, Mago e Templare.

Ogni personaggio parte con due Talenti, ossia delle abilità e delle caratteristiche speciali che caratterizzano il personaggio. Sottolineiamo che in Oscura Minaccia gli eroi protagonisti eccellono nei settori che più li competono. Quindi, non sarete semplicemente un Mago, magari un novizio, ma siete già un incantatore provetto perfettamente padrone delle magie che lancia. Nel manuale è prevista una lista di Talenti, ma i giocatori sono caldamente invitati a crearne di propri pensando al personaggio che vogliono giocare.

Oltre che dai Talenti, ogni personaggio viene poi definito anche in base ai Legami: collegamenti a persone, luoghi o motivazioni che possono riferirsi sia al Presente che al Passato. Non si tratta solo di caratteristiche per colorare e dare spessore al proprio personaggio, ma vedremo come tutti questi elementi abbiano un loro perché all’interno del sistema di gioco di Oscura Minaccia.

Bene, ora che avete i personaggi bisogna delineare i contorni della minaccia che sta per ghermire il mondo, l’unica vera costante che ci deve essere nell’ambientazione. Anche in questo caso saranno i giocatori insieme al GM a definire i primi tratti dell’Oscura Minaccia, facendo emergere il modo in cui i personaggi hanno avuto evidenza dell’arrivo del pericolo.

Il sistema di gioco di Oscura Minaccia si basa sull’uso di due diverse pool di dadi: la pool del GM e la pool del Destino, entrambe formate da dadi a sei facce (d6). Quando c’è un Conflitto, Il Master prende tanti dadi dalla riserva del GM pari alla Difficoltà della prova. I giocatori rispondono tirando un numero pari a quello del GM ma solo se hanno utilizzato a livello narrativo nella scena di gioco l’archetipo, un talento o un vantaggio descrittivo. A questo punto i giocatori possono attingere anche alla pool del Destino per aumentare il numero dei dadi da tirare, così da avere più successo. Si prendono i dadi della pool del Destino inserendo narrativamente un talento aggiuntivo del personaggio, sfruttando l’ambiente di gioco o grazie all’aiuto di un altro giocatore. Si tirano i dadi e i risultati 5 e 6 sono considerati successi. Tutte le caratteristiche che vengono coinvolte nel conflitto devono avere un corrispettivo narrativo e per questo devono essere inserite e raccontate dal giocatore stesso.

Il gioco procede così attraverso varie Missioni fino allo scontro finale con l’Oscura Minaccia. Tra gli altri dettagli del manuale, non posso non citare le Scene di Legame, davvero molto interessanti dal mio punto di vista. Tra una missione e l’altra si inseriscono queste particolari scene in cui i personaggi, in base alle situazioni createsi e all’utilizzo del Legami con il presente e/o con il passato, esprimono il proprio stato d’animo, le proprie paure e speranze, rinsaldando il legame con gli altri PG ma anche andando a modificare i legami stessi, rendendoli così sempre più forti e complessi.

Un sorprendente gioco di ruolo narrativo

Oscura Minaccia è un gioco di ruolo dalle meccaniche semplici, immediato, comprensibile anche a coloro che giocano per la prima volta, e davvero molto ricco per quanto riguarda l’esperienza di gioco. Un GdR narrativo che non ha bisogno di nessun tipo di preparazione e che incoraggia a mettere in gioco la propria fantasia e la propria creatività senza che la cosa risulti pesante al tavolo di gioco. Spesso i GdR più narrativi trattano tematiche particolari, a volte molto sfaccettate, complesse o delicate, invece Oscura Minaccia ha il pregio di presentarsi ai giocatori come un GdR fantasy che ha come fulcro, di base, un grande classico delle quest: sconfiggere il nemico malvagio. Ritengo che questo sia un tratto che può davvero far avvicinare al titolo sia i giocatori più esperti che anche coloro che giocano di ruolo per la prima volta.

Se a prima lettura alcune cose non dovessero risultare chiare, la parte finale del manuale è completamente dedicata alla descrizione di un’intera sessione di gioco di Oscura Minaccia: davvero molto utile! Se amate i giochi di ruolo ben inquadrati, con tante regole, calcoli, tabelle di valori e un’ambientazione ben definita allora Oscura Minaccia potrebbe non essere quello che state cercando, ma io vi consiglio di dargli una possibilità: vedrete che la sessione di gioco si evolverà in maniera inaspettata e sicuramente passerete una serata diversa dalle solite sessioni!

Oscura Minaccia
Oscura Minaccia
Oscura Minaccia è un gioco di ruolo dalle meccaniche semplici, immediato, comprensibile anche a coloro che giocano per la prima volta, e davvero molto ricco per quanto riguarda l'esperienza di gioco. Un GdR narrativo che non ha bisogno di nessun tipo di preparazione e che incoraggia a mettere in gioco la propria fantasia e la propria creatività. Oscura Minaccia ha il pregio di presentarsi ai giocatori come un GdR fantasy che presenta, di base, un grande classico delle quest: sconfiggere il nemico malvagio. Vi consiglio di dargli una possibilità: vedrete che la sessione di gioco si evolverà in maniera inaspettata e sicuramente passerete una serata diversa dalle solite sessioni!
Pro
Non c'è bisogno di nessuna preparazione: una volta letto il gioco si può giocare sin da subito, in qualsiasi momento e solo con l'utilizzo dei d6
I giocatori sono incoraggiati a usare la loro fantasia e la creatività: ci si sente davvero i protagonisti del gioco
Contro
Può non attirare chi è abituato a giochi di ruolo più tradizionali
Non c'è bisogno di scheda personaggio per giocare, ma sarebbe stato carino aggiungere nel manuale un esempio guida con le caratteristiche del PG (Archetipo, Legami, Barra Passato/Presente ecc)
7.8
Voto Finale
...e questo?
Gen Con 2020: la fiera più grande in USA sul gioco da tavolo è stata cancellata