Sigle cartoni animati a confronto – Italia vs Giappone: Goldrake

disco ufo robot goldrake

Le sigle dei cartoni animati rappresentano, per tutti coloro che fanno parte della cosiddetta “Generazione X”, un potente viatico dei ricordi d’infanzia, così radicato nella cultura pop italiana (e non solo) che spesso bastano pochissime note per riportarci indietro nel tempo di decenni, quando i pomeriggi dopo la scuola erano dedicati allo zapping (il più delle volte senza l’ausilio di telecomando), tra i vari anime giapponesi trasmessi dalle TV private.

Le sigle dei cartoni animati a confronto: ecco la versione italiana e giapponese di Ufo Robot Goldrake

Ci si ritrovava puntuali alla solita ora per seguire le avventure di tutta una serie di personaggi provenienti dal quel magico mondo che è il Giappone e, a differenza di oggi che, per merito dello streaming, saltiamo a più pari le sigle di apertura con un semplice click, in passato ascoltare e cantare le sigle dei cartoni animati era davvero qualcosa di imperdibile tanto che, a decenni di distanza, sappiamo ancora cantarle a memoria.

La produzione discografica italiana legata agli anime non solo si dimostrò artisticamente ricca e variegata, con tantissimi professionisti di primo piano del mondo della musica che furono protagonisti di quell’età dell’oro, ma fece registrare numeri da record, con canzoni che dominarono le classifiche di vendita dei celebri 45 giri per settimane entrando di diritto non solo nell’immaginario collettivo, ma anche nella cultura musicale pop del Bel Paese.

A volte, però, l’enorme popolarità e lo strepitoso successo di alcune sigle dei cartoni animati ha, per certi versi, “offuscato” le versioni originali giapponesi delle stesse sigle, successi che in patria hanno conosciuto un impatto culturale analogo (se non addirittura maggiore) simile a quello vissuto nel nostro paese.

Leggi anche: Le migliori sigle dei cartoni animati anni 80

Spesso queste canzoni, utilizzate come intermezzi musicali all’interno degli anime stessi, sono entrate nei nostri ricordi tanto quanto le famose sigle, con le opening originali riscoperte successivamente con l’avvento di internet e delle edizioni Home Video degli anime più celebri.

È il caso, per esempio, di Ufo Robot Goldrake, l’anime per eccellenza (almeno per noi italiani) che rappresenta una vera pietra miliare della cultura pop tricolore. Giunto in Italia nel 1978, Goldrake ebbe (e continua ad avere) un successo strepitoso, anche per merito della celebre sigla composta da Luigi Albertelli su musica e arrangiamento di Vince Tempera, Ares Tavolazzi e Massimo Luca e cantata da Alberto Tadini, canzone che all’epoca fu anche Disco d’Oro (senza contare anche i successi delle altre sigle Shooting Star e Goldrake).

Italia vs. Giappone

In Giappone la sigla di Goldrake, ovvero Ufo Robot Grendizer in originale, è anch’essa una pietra miliare della cultura pop, ed è stata cantata dal mitico Isao Sasaki, conosciuto in patria come la “voce del sol levante” e che ha dato la sua voce a numerose sigle di cartoni animati come  Getta Robot, Gaiking, Corazzata spaziale Yamato, Kyashan ecc.

Ecco, dunque le due sigle a confronto con i rispettivi testi, in una sorta di parallelo musicale che non ha nessuna pretesa di decidere quale sia la sigla migliore, ma ha soltanto lo scopo di suscitare felici ricordi e farci scoprire come anche le sigle giapponesi sono state (e continuano a essere) dei veri capolavori.

Sigla italiana Ufo Robot Goldrake – Atlas Ufo Robot

Ufo Robot Ufo Robot,

Ufo Robot Ufo Robot,

si trasforma in un razzo missile

con circuiti di mille valvole

tra le stelle sprinta e va,

mangia libri di cibernetica

insalate di matematica

e a giocar su Marte va.

Lui respira nell’aria cosmica

e’ un miracolo di elettronica

ma un cuore umano ha.

Ma chi è? Ma chi è?

Ufo Robot Ufo Robot

raggi laser che sembran fulmini

è protetto da scudi termici

sentinella lui ci fa

quando schiaccia un pulsante magico

lui diventa un ipergalattico

lotta per l’umanità

Ufo Robot Ufo Robot,

Ufo Robot Ufo Robot,

si trasforma in un razzo missile

con circuiti di mille valvole

tra le stelle sprinta e va

lui respira nell’aria cosmica

è un miracolo di elettronica

ma un cuore umano ha

Ma chi è? Ma chi è?

Ufo Robot Ufo Robot

raggi laser che sembran fulmini

è protetto da scudi termici

sentinella lui ci fa

quando schiaccia un pulsante magico

lui diventa un ipergalattico

lotta per l’umanità

si trasforma in un razzo missile

con circuiti di mille valvole

tra le stelle sprinta e va

Ufo Robot Ufo Robot,

Ufo Robot Ufo Robot.

Sigla giapponese Ufo Robot Grendizer (UFOロボグレンダイザー UFO Robo Gurendaizā)

Tobe, Grendizer! (Vola, Grendizer!)

Yuke, yuke, Duke Fleed! (Vai, vai, Duke Fleed!)

Tobe, tobe, Grendizer! (Vola, vola, Grendizer!)

Daichito umito aozorato (Giura di portare la pace)

tomoto chikatta konoheiwa, (per la grande terra, il mare, il cielo, gli amici,)

mamori imokataku tachiagare, (proteggili strenuamente, alzati in piedi,)

chikyu wa konnani chisaikeredo, (nonostante questa Terra sia piccola,)

seigito aitode kagayaku hoshida. (è la stella splendente della giustizia e dell’amore.)

Mamore, mamore, mamore! (Proteggila, proteggila, proteggila!)

Ningen no hoshi minna no chikyu. (Pianeta di ogni cosa, stella dell’umanità.)

Yuke, yuke, Duke Fleed! (Vai, vai, Duke Fleed!)

Tobe, tobe, Grendizer! (Vola, vola, Grendizer!)

Kogekigun o kuitomero (Combatti la battaglia)

osore o shiranu, Energy! (non conosci la paura, Energia!)

Akuno nozomi o hanekaese (Respingi il desiderio del male)

chikyu wa konnani chisaikeredo, (nonostante questa Terra sia piccola,)

uchu de hitotsu no midori no hoshida (e’ l’unica stella verde dell’Universo)

mamore, mamore, mamore (proteggila, proteggila, proteggila)

ningen no hoshi minna no chikyu (pianeta di ogni cosa, stella dell’umanità)

chikyu wa konnani chisaikeredo (nonostante questa Terra sia piccola)

uchu de hitotsu no midori no hoshida (è l’unica stella verde dell’Universo)

mamore, mamore, mamore (proteggila, proteggila, proteggila)

ningen no hoshi minna no chikyu (pianeta di ogni cosa,stella dell’umanità)

 

...e questo?
The Seven Deadly Sins Seven Days
The Seven Deadly Sins – Seven Days 1: la recensione del primo volume del manga su Ban ed Elaine