L’F-22, il caccia migliore del mondo, non può essere hackerato a causa del software troppo vecchio

F-22 Raptor

Il Lockheed Martin/Boeing F-22 Raptor, il primo cacciabombardiere di quinta generazione del mondo con caratteristiche stealth, attualmente considerato come il miglior aereo militare da supremazia aerea, è il fiore all’occhiello dell’Aeronautica Militare statunitense.

Ecco perché l’F-22 Raptor, il caccia statunitense di quinta generazione migliore del mondo, non può essere hackerato

Nonostante sia un vero concentrato di tecnologia stealth avanzata che ne fanno lo spauracchio delle difese aeree del mondo, comprese quella di Russia e Cina, l’F-22 è considerato un velivolo “inattacabile” anche per quanto riguarda il software che gestisce la cellula, l’avionica e il sistema di controllo fly-by-wire. Il motivo è da ricercarsi nel software che ha più di 35 anni.

Quando il governo USA tagliò i fondi del programma F-22 a favore dell’F-35, mettendo la parola fine alla produzione del Raptor, in tanti facevano battute sul caccia costato 65 miliardi di dollari mai effettivamente utilizzato in battaglia e con un software antiquato, tanto che l’ex segretario alla Marina John Lehman, parlando col Wall Street Journal, affermò che la “particolare” tecnologia informatica utilizzata a bordo dell’F-22 lo metteva comunque al sicuro dagli attacchi di hacker cinesi e il disturbo delle comunicazioni, cosa non così scontata su altri velivoli addirittura più moderni:

Nessuno in Cina sa come programmare il vecchio software IBM che li gestisce.

La produzione degli F-22 Raptor si è fermata a 187 esemplari tutti in forza all’USAF (ci sarà un perché lo Zio Sam non abbia mai voluto vendere F-22 nemmeno agli alleati no?) proprio in virtù delle caratteristiche peculiari di questo caccia che, utilizzato recentemente in Siria, continua a farsi valere anche nei confronti dei caccia di quinta generazione russi e cinesi.

A parte l’ironia su un software inattaccabile perché ormai sconosciuto quasi a tutti (situazione che ricorda l’utilizzo del vetusto codice Morse in Indipendece Day per non farsi intercettare dagli alieni), l’F-22 ha ispirato la costruzione dei più moderni aerei da combattimento e continua a essere il caccia che, in caso di conflitto aereo, rappresenterebbe una vera spina nel fianco dei nemici degli USA viste le su capacità in combattimento come velocità, furtività e superiorità aerea che lo pongono un gradino più in alto di tutti, anche del nuovissimo F-35.

Fonte: Military.com

...e questo?
Pale Blue Dot: la “foto di gruppo” dell’Umanità