Weathering With You: la recensione del ritorno di Makoto Shinkai

Dopo Your name, Makoto Shinkai torna nelle sale cinematografiche italiane con Weathering with you, nuovo lungometraggio molto atteso da tutti gli appassionati di animazione giapponese.

Dynit e Nexo Digital, dopo aver proposto 5 centimetri al secondo, porteranno in Italia questo nuovo film che troverete al cinema per un periodo limitato, dal 14 al 16 ottobre 2019.

Ecco la recensione di Weathering with you, nuovo lungometraggio di Makoto Shinkai al cinema il 14, 15 e 16 ottobre

La pellicola ci racconta le vicende di Hodaka, giovane liceale di 16 anni che scappa di casa per trasferirsi a Tokyo. Qui il ragazzo dovrà fare i conti con una città caotica, ricolma di gente e sempre in movimento, con l’ovvia difficoltà di doversi mantenere da solo considerata la sua giovane età.

Hodaka riesce, nonostante tutto, a trovare lavoro nella redazione di una rivista che si occupa di occultismo. Considerata l’estate particolarmente piovosa che si sta registrando a Tokyo, gli viene suggerito di cercare informazioni che possano servire da base per un articolo sulle misteriose sacerdotesse del tempo o “portatrici di luce”.

Proprio durante queste ricerche Hodaka conosce Hina, giovane ragazza che si rivelerà essere lei stessa una portatrice di luce. Hina infatti riesce a controllare il tempo atmosferico, calmando momentaneamente la forte pioggia e facendo tornare il sole. Hodaka si propone di aiutare la giovane ragazza, sebbene sia più piccolo, perché Hina ha bisogno di un lavoro per poter mantenere il fratellino, in assenza di ambedue i genitori. Così i ragazzi decidono di mettere su un’attività per rispondere alle richieste di chi cerca un po’ di sole nelle uggiose giornate di Tokyo. Ma l’esercizio di questo potente potere ha un costo, ed entrambi presto lo sperimenteranno sulla propria pelle.

Il problema dei cambiamenti climatici

Leggendo il titolo, Weathering with you, non ci stupisce che questo nuovo film di Makoto Shinkai parli di ambiente e clima. Un argomento quanto mai cruciale e attuale e, al contempo, molto sentito dalle giovani generazioni, le stesse che sono protagoniste del lungometraggio.

Questo tema, ben noto all’animazione giapponese, trova in Weathering with you un’espressione del tutto originale. Mi spiego meglio: nel film non c’è semplicemente il tema del mondo che sta cambiando perché gli umani, nel loro egoismo, stanno distruggendo la natura. Infatti, ed è questo l’elemento di originalità che sottolineavo, in Weathering with you non c’è un noi e un loro: la natura e gli uomini sono sullo stesso piano perché gli esseri umani sono collegati in modo forte e indissolubile al cielo e alla natura.

Questo tema è espresso chiaramente nel film: siamo noi, con le nostre azioni, a modificare il tempo e a poter decidere che cosa fare riguardo i cambiamenti climatici che sperimentiamo sulla nostra stessa pelle. Non siamo qualcosa di diverso dalle foreste, dal cielo o dal mare, ma ne siamo legati in maniera più profonda di quello che pensiamo, e per questo dobbiamo agire di conseguenza.

Senza svelare di più della trama del film, alcune battute dell’anime potrebbero far pensare a un atteggiamento un po’ semplicistico del regista nei confronti del clima, una sorta di pensiero forzatamente ottimista per il quale è inutile struggersi perché i cambiamenti fanno parte del corso del tempo e dobbiamo accettarli. Io non penso che Makoto Shinkai abbia voluto dirci questo, ma che anzi abbia voluto esprimere in maniera forte che la possibilità di preservare il clima e l’ambiente c’è ed è possibile, e che l’unico modo per poterlo attuare è agendo e passando ai fatti; ma soprattutto che questo cambiamento è possibile solo se ci si impegna tutti insieme.

Il difficile percorso dell’adolescenza

Se c’è una cosa che apprezzo molto nelle opere di Makoto Shinkai è la sua capacità di cogliere sfumature, gioie e drammi della crescita, di quel faticoso percorso interiore che ci porta a diventare grandi. In questo, Weathering with you non è da meno e anzi affronta un tema per certi versi complicato: gli effetti di crescere prima del tempo. Entrambi i protagonisti principali del film, Hodaka e Hina, sono due giovani ragazzi che, in modi molto differenti, si trovano a dover gestire situazioni, sentimenti e responsabilità tipiche del mondo adulto.

Tenki no ko Weathering With You

In particolare, è Hina a rappresentare questa tematica nel film. La ragazza infatti è giovanissima e con un fratello più piccolo, ma si accolla comunque doveri e oneri spinta da un estremo senso del dovere e di normalità che la porta ad assumere atteggiamenti costantemente finalizzati al bene degli altri e mai al proprio.

In questo è esemplificativo il suo ruolo di “portatrice di luce”: Hina fa arrivare il bel tempo sempre per gli altri e mai per sé, ed è lei stessa che afferma di essere contenta di svolgere quel lavoro perché ripagata dalla felicità degli altri. Questo dare incessante però porta la ragazza ad annullarsi completamente: la sua reazione ad una angosciosa situazione familiare (è sola col fratello piccolo, senza genitori) la porta a dare tutto agli altri, dimenticando se stessa.

Viaggio diverso eppure simile sarà quello compiuto da Hodaka che, passando per fasi di isolamento e violenza, riuscirà a trovare il proprio equilibrio nell’amore di Hina. Dopo che la ragazza si è occupata di lui, Hodaka capirà che è arrivato il suo momento: il suo compito è quello di liberare Hina dal suo “annullarsi” per riportarla a terra insieme a lui.

Weathering With You

Weathering with you è un’esplosione di colori e musiche

Ancora una volta le tecniche dell’animazione giapponese non ci deludono: Weathering with you è una vera e propria esplosione di suoni e colori. Se già vi eravate innamorati degli effetti di Your name, questo nuovo film vi lascerà ancora una volta a bocca aperta. Basterà la potenza visiva di alcune scene in particolare, prima fra tutte quella in cui i due ragazzi si librano nel cielo, per convincervi. Un lavoro eccezionale anche dal reparto musiche e colonna sonora: la spensieratezza del pop viene declinata in tante e diverse sfumature, quasi a ripercorrere le differenti tonalità del cielo sopra Tokyo.

Ultima menzione speciale per le citazioni del film. Bella e azzeccata quella con il romanzo The Catcher in the Rye (in italiano, Il giovane Holden) che Hodaka porta con sé all’inizio del film. Fidatevi: leggete quel libro e capirete qualcosa in più sul protagonista maschile. I fan più attenti noteranno varie citazioni (alcune più velate di altre) di Your name: una bella autocitazione con un significato tutt’altro che trascurabile.

Insomma, Weathering with you è un film che mi sento di consigliare a tutti: agli appassionati, a chi non sa nulla di animazione giapponese, a chi “ma tanto non può superare Your name” e anche a quelli che inevitabilmente diranno “lo vanno tutti a guardare solo grazie alla popolarità di Your name”. Si tratta di un film di forte potenza e carattere, che sa far commuovere e riflettere e che sicuramente non vi potrà lasciare indifferenti.

Weathering with you
Un film che è un'esplosione di musiche e colori, un lungometraggio sulle difficoltà di crescere e sui cambiamenti climatici. Tante chiavi di lettura per un film d'animazione che piacerà sicuramente agli appassionati, ma che tutti dovrebbero guardare almeno una volta.
Pro
Temi affrontati e diverse chiavi di lettura
Tecnica d'animazione e potenza visiva
Contro
La sceneggiatura poteva essere curata di più
Possibilità di fraintendimento del messaggio sul clima
9
Voto Finale
Leggiamo altro?
vikings 6
Vikings 6: Recensione del terzo episodio “Fantasmi, dei e cani da corsa”