Alien: Ridley Scott e Disney stanno discutendo sul futuro del franchise

Alien

In una recente intervista rilasciata a THR, Ridley Scott ha confermato quanto rivelato da Disney durante il passato CinemaCon, circa le discussioni in atto per il futuro del franchise di Alien.

Disney sta lavorando con Ridley Scott per capire in quale direzione proseguirà il franchise di Alien

Dopo l’acquisizione della Fox, Disney sembra infatti intenzionata a proseguire la storia dello xenomorfo, anche se l’arrivo di un terzo capitolo della trilogia prequel di Ridley Scott è tutt’altro che scontato.

Ecco le parole di Scott:

Arrivi ad un punto dove dici: ‘Okay, è un buco nell’acqua’, Alien Vs. Predator è stata un’idea sciocca. E non ho idea se sia andato bene o male, non lo so. Ma in qualche modo non ha fatto bene alla bestia. All’epoca gli dissi, ‘Ascoltate, potete risollevare la cosa ma dovete ripartire dalle basi e fare una storia prequel se volete’. Quindi abbiamo realizzato Prometheus, che non andò male. Ma si tratta comunque di un film senza un Alien al suo interno, eccetto il piccolo che si vede alla fine e che ha mostrato tutte le varie possibilità. Intendo, aveva una silhouette da Alien, no?

Il regista ha poi continuato spiegando di essersi preso un rischio, che è sempre meglio che riproporci sempre le stesse identiche cose sul grande schermo:

L’alien è legato unicamente a Madre Natura. È semplicemente come uno scarabeo che depone le sue uova all’interno di un insetto ignaro. E così facendo la forma dell’uovo diventa diventa l’ospite di questa nuova creatura. È spaventoso. Ma è quello che era. E non puoi semplicemente continuare a ripetere le stesse cose perché altrimenti diventa noioso. Vai avanti, ti lasci questa cosa alle spalle e vedi in cosa può evolversi. Quindi stiamo cercando di capire in cosa possiamo evolverci.

Cosa ne pensate? In quale direzione dovrebbe muoversi Disney per questa “evoluzione” di Alien? Fatecelo sapere tramite un commento qui sotto!

Leggiamo altro?
Nicolas Cage sarà Nicolas Cage nel film The Unbearable Weight of Massive Talent
>