Ecco il Monopoly a tema Harry Potter home-made realizzato per una vera amicizia

Alla migliore amica dell’artista e blogger Jenna Shaw sarebbe piaciuto tantissimo poter giocare ad un gioco da tavolo simile a Monopoly, ma a tema Harry Potter. Così la stessa Jenna ha deciso di costruire su misura un Monopoly a tema Harry Potter per il compleanno dell’amica, perché gli amici veri si contano sulle dita di una mano.

All’artista americana ci sono volute oltre 80 ore per creare il Monopoly di Harry Potter, ecco il processo creativo dell’opera

Per prima cosa Jenna si è dovuta occupare della creazione dell’immagine, creare la struttura della plancia era una delle parti più difficili in quanto doveva essere stampata in maniera speculare a quello che sarebbe stato il risultato finale.

Per imprimere la stampa su quella che è poi diventata la plancia, ha quindi dovuto stendere uno strato di poliacrilico ed appoggiare la carta sulla base in legno. Una volta asciugato e tolta la carta, voilà, ecco fatto.

 

Ed ora, dopo aver disegnato le carte, le è bastato riciclare alcuni componenti del Monopoly Disney e l’aiuto di un po’ di vernice spray per dare vita a case, castelli, galeoni, falci e zellini. Insomma tutto ciò che serviva per immergersi a pieno nel magico mondo di Harry Potter.

Infine, ha trasformato una semplice valigetta da poker in legno in una bellissima scatola dove riporre tutta la componentistica.

La notizia, che in realtà risale già a qualche tempo fa, ha rifatto recentemente il giro del mondo ed alcuni Potterhead stanno postando su twitter le foto del magnifico lavoro della Shaw, chiedendo a J.K Rowling e ad Hasbro di creare una versione ufficiale del Monopoly di Harry Potter.

Potete trovare tutte le foto del “making of” della versione del famoso gioco da tavolo a tema potteriano direttamente nell’articolo pubblicato dalla Shaw sul sito di Bored Panda.

E voi cosa ne pensate? Vi piacerebbe guadagnare valuta magica passando dal binario 9 3/4 anziché dal “via”? Fatecelo sapere con un commento qui sotto.

Leggiamo altro?
La recensione di Victorian Masterminds: il gioco da tavolo che ci trasfoma in supercriminali di fine ‘800