Quanto ci vuole per “digerire” un LEGO? Ce lo dice la scienza!

Siamo stati bambini tutti e, come tali, almeno una volta ci è capitato di ingoiare qualcosa che non avremmo dovuto mettere in bocca, destando la preoccupazione dei nostri genitori.

Ora, se avete mai mangiato un mattoncino colorato, grazie ad uno studio pubblicato dal The Journal of Pediatrics and Child Health sappiamo quanto tempo ci vuole per “digerire” un LEGO.

Quanto tempo ci vuole per “digerire” un LEGO? Ce lo svelano i pediatri di Don’t Forget The Bubbles!

La pubblicazione è il risultato di una ricerca condotta da sei pediatri che collaborano con il network Don’t Forget The Bubbles, ciascuno dei quali ha ingerito la testa di una minifigure LEGO ed ha atteso che questa saltasse fuori “dall’altra parte”.

In media sono stati necessari appena 1.71 giorni perché il mattoncino percorresse tutta la sua strada fino alla toilette.

Tutte i dettagli sulle abitudini intestinali dei partecipanti prima dell’esperimento sono state standardizzate attraverso il Stool Hardness and Transit score, il cui acronimo, decisamente evocativo, è SHAT.

Leggi anche: Non Calpestarla! – La cacca di cane porta fortuna anche ai family game

Il tempo impiegato dal LEGO per essere espulso, invece, è stato rinominato Found and Retrieve Time, ovvero FART (di cui tutti noi conosciamo il significato).

Nell’estratto di questa ricerca si legge:

Il punteggio FART medio è di 1.71 giorni. Ci sono prove che le donne siano più disposte a cercare  tra le proprie feci rispetto agli uomini, ma questo non può essere validato statisticamente.

Insomma, mi sfugge l’utilità di questa ricerca che, essendo stata svolta su degli adulti, difficilmente rassicurerà i genitori di quei bambini che amano ingerire qualsiasi cosa capiti tra le loro mani.

Devo ammettere, però, che, almeno per una volta, la scienza si è mostrata davvero divertente!

E voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere con un commento qui sotto!

Fonte: Comicbook

Commenti
Caricamento...