La Stazione Spaziale Internazionale è infestata da “misteriosi” batteri spaziali

stazione spaziale internazionale

Lo scorso 20 novembre la Stazione Spaziale Internazionale ha compiuto 20 anni dalla messa in orbita dei primi moduli anche se, questo compleanno, sembra aver portato in dote un inaspettato e non tanto gradito regalo per la stazione e i suoi astronauti.

Gli scienziati hanno scoperto una colonia di batteri potenzialmente infettivi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale

Secondo quanto riportato dal New York Post, uno studio ha evidenziato che il tecnologico avamposto dell’umanità nello spazio, orbitante tra i tra 330 e 410 km di altezza, è infestato da misteriosi batteri spaziali potenzialmente nocivi per gli astronauti.

Gli scienziati hanno scoperto, a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, un florido ecosistema di “organismi infettivi” simili a quelli che si trovano negli ospedali terrestri.

Il della NASA ha trovato cinque diverse varietà di Enterobatteri, microrganismi che causano setticemie, infezioni urinarie e gatsro-intestinali,  con i ricercatori che hanno calcolato una probabilità del 79% che possano causare delle malattie.

La toilette di bordo e l’area di esercitazione sono stati individuati come principali luoghi ricettacolo di queste colonie di batteri che potrebbero aver sviluppato anche una resistenza ai farmaci e ai trattamenti di disinfezione tradizionali.

Secondo il dottor Nitin Singh, a capo dello studio, questa scoperta pone importanti interrogativi sulle missioni spaziali, anche se ha voluto sottolineare che, nel caso specifico, i batteri non sono risultati virulenti:

Considerati i risultati di resistenza multi-farmaco di questi batteri e l’aumentata probabilità di patogenicità che abbiamo riscontrato, queste specie pongono importanti considerazioni sulla salute degli astronauti per le future missioni spaziali.

È importante capire che i ceppi trovati sulla Stazione Spaziale Internazionale non erano virulenti, il che significa che non sono una minaccia immediata per la salute umana, anche se rappresentano qualcosa da monitorare attentamente.

C’è da dire che come sempre la realtà supera la fantasia o, quantomeno, letteratura e cinematografia fantascientifica hanno posto più volte l’attenzione sui possibili rischi di batteri e virus terrestri “fortificati2 e resi ancora più pericolosi se esposti alla permanenza nello spazio a bordo di navette o stazioni spaziali.

Voi cosa ne pensate a riguardo? fatecelo sapere con un commento qui sotto!

Leggiamo altro?
Logitech G604 Lightspeed
Logitech G604 Lightspeed wireless: controllo e precisione alla velocità della luce per gamer