I Kill Giants: Titan Edition, Bao riporta in libreria una piccola grande storia – Recensione

Dopo il suo recente ingresso nel catalogo Netflix grazie all’omonimo film diretto da Anders Walter e a 10 anni dalla sua prima pubblicazione, la storia di I Kill Giants torna a toccarci il cuore in una nuova edizione cartacea intitolata I Kill Giants:Titan edition ed edita in Italia da Bao Publishing.

La storia della piccola Barbara Thorson e dei giganti da cui protegge la città è, da anni, uno dei romanzi grafici più amati del catalogo BAO. Questa nuova edizione, cartonata e con nuovi contenuti extra, tra cui ampi stralci della sceneggiatura di Joe Kelly, è un tributo a questa storia bellissima e toccante. Impreziosita da una nuova copertina di JM Ken Niimura

I Kill Giants: un racconto delicato che va dritto al cuore e non tradisce le (alte) aspettative

Provo sempre un po’ di tensione mista a curiosità quando inizio a leggere una storia della quale si è già parlato molto e sulla quale ci sono molte aspettative. C’è sempre il rischio di restare un po’ delusi. Ecco, mi ci sono volute solo poche pagine di I Kill Giants per convincermi che, questa volta, le aspettative erano decisamente ben riposte.

La storia ideata da Joe Kelly e brillantemente portata in vita dai disegni di Ken Niimura e dal suo tocco, nato dalla fusione del mondo occidentale e quello nipponico, è una di quelle storie che sa entrarti dentro, con discrezione, quasi per gioco, ma che riesce indiscutibilmente a mettere a nudo i propri sentimenti, portandoti faccia a faccia con dei giganti tanto grandi quanto terrificanti. È anche un racconto molto personale, che parlerà in maniera un po’ diversa ad ognuno di noi ma che riuscirà comunque a lasciarci un piccolo segno.

E lo fa con la genuina spontaneità di Barbara Thorson, una bambina di quinta elementare che uccide i giganti. O almeno così continua a ripetere lei ai suoi (pochi) amici tra una partita di D&D ed un’altra.

Barbara non ha avuto certo un’infanzia facile, cresciuta in una cittadina vicino al mare, coll’assenza di una figura paterna e con sua sorella maggiore, Karen, che cerca come può di fare da capofamiglia per lei e il loro piccolo fratellino.

La protagonista di I Kill Giants è una bambina sveglia, dalla mente brillante, accompagnata da una sagace ironia colla quale si difende tanto dagli adulti che continuano a non volere capire l’importanza della sua missione quanto dai suoi coetanei che vedendola “diversa” da loro la isolano e la bullizzano. 

La piccola Barbara ci insegnerà il segreto per uccidere i giganti. Ma prima dovrà sconfiggere il più temibile dei suoi nemici

Tutte difficoltà enormi da affrontare per una bambina sola. Forse proprio per questo il destino ha scelto lei come custode del potente martello Coveleski, l’unica arma in grado di sconfiggere i giganti e sopratutto i più crudeli e terrificanti titani, mostri pronti ad attaccare in qualsiasi momento e che minacciano la sua famiglia e tutte le persone alle quali Barbara vuole bene. 

Ma per quanto si prepari studiando tutto quello che trova sui giganti e i loro punti deboli, per quanto nasconda trappole e compia rituali sulla spiaggia per fermarli, per quanto riesca ad ignorare le incomprensioni degli adulti e i dispetti dei coetanei, Barbara deve comunque affrontare il suo più temibile nemico: la paura.

Perché questi giganti fanno paura e quando, durante una tempesta, escono dal mare per attaccare la cittadina che Barbara protegge, la nostra coraggiosa bambina dovrà prendere una decisione che cambierà per sempre la sua vita. Riuscirà Barbara nella sua missione e ad insegnare anche a noi il segreto per uccidere i giganti?

Che abbiate visto o no la versione ideata per Netflix, I Kill Giants resta una bella storia da leggere e da guardare, grazie alla delicata sensibilità di Joe Kelly e JM Ken Niimura. E la nuova Titan edition è un meritato tributo a questo piccolo capolavoro.

Leggiamo altro?
Proposition Player: rarità “vintage” sul mondo del Poker
>