La Russia pronta a bandire gli anime dalla TV?

Stando ad alcune dichiarazioni provenienti dalla direzione dell’Agenzia Russa per la Protezione dei Bambini, si starebbe pensando alla possibilità di impedire la trasmissione di anime (o almeno di alcuni di essi) su tutto il territorio sovietico russo.

Il governo di Mosca starebbe pensando di eliminare gli anime dalla TV della Russia a seguito di alcuni casi di suicidio che hanno coinvolto giovani ragazzini

Tale eventualità sarebbe stata presa in considerazione dalle autorità governative di Mosca, all’indomani di alcuni casi di suicidio avvenuti in Russia e aventi come sfortunati protagonisti dei ragazzini.

Yelena Ivanova, uno dei membri del Centro per la Protezione dei Bambini contro le minacce online, ha posto l’attenzione su alcune produzioni anime giapponesi appositamente realizzate per intercettare un determinato tipo di pubblico:

Si producono un sacco di cartoni animati di qualità in Giappone.

Non sono pericolosi se non li guardi tutto il giorno.

Un’altra cosa è se i personaggi di questi anime sono adolescenti come i loro spettatori, e sono anche omosessuali, fumano, bevono alcolici e si tagliano persino le vene.

Ovviamente, la radice del problema qui è molto più profonda dei cartoni animati, ma questi anime sono studiati appositamente per questi tipi di bambini.

C’è da dire che le dichiarazioni della Ivanova sono tutt’altro che polemiche e cercano di inquadrare una tipologia di produzioni che, ovviamente, nascono per un pubblico immerso nella realtà culturale giapponese e che non sempre sono correttamente “esportabili” nel mondo occidentale.

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere con un commento qui sotto!

Fonte: animemojo

Potrebbe piacerti anche
Commenti
Caricamento...