Laika sta pensando ad un sequel di Coraline e la porta magica?

Coraline e la porta magica

Sono anni che i fan chiedono a grande voce a Laika Entertainment un sequel di Coraline e la porta magica, la pellicola d’animazione in stop motion che il prossimo anno vedrà il suo decimo anniversario e che, in questo lasso di tempo, è diventato un vero e proprio cult del genere dark fantasy. Questo nonostante i vertici di Laika abbiano ribadito più volte di non essere interessati a realizzare un sequel di Coraline, o un sequel qualunque delle sue altre numerose pellicole.

Stando all’azienda, quello dei sequel non è un tipo di business che si adatta ai loro prodotti, eppure, dopo il recente Laika Live, sono in molti ad avere il sospetto che “qualcosa” bolla in pentola.

Sia chiaro, si tratta di semplici rumor, ma il desiderio di poter vedere un giorno un sequel di Coraline e la porta magica ci porta a sperare che queste voci si trasformino presto in realtà.

Una celebrazione del film o un’operazione di re-marketing per l’arrivo di un sequel di Coraline e la porta magica?

È da poco terminato il Laika Live, l’evento in 10 giorni in cui l’azienda ha aperto le porte ai fan e mostrato loro, tra le altre cose, anche il nuovo merchandising legato al film come i nuovi Funko Pop di Coraline, nonché dei costumi per bambini ed adulti ispirati al film e un LEGO set del Pink Palace Apartments (che ha avuto il supporto di Neil Gaiman e ora si trova su LEGO Ideas). Durante l’evento è intervenuta anche la doppiatrice originale dell'”Altra Madre”, Terri Hatcher, ricordando la sua esperienza durante le riprese del film.

Ai presenti tutto è sembrata un grande operazione di re-marketing per il film che, a distanza di anni, è strano sia ancora al centro dell’attenzione (e degli investimenti) dello studio.

Inoltre, all’evento hanno partecipato anche numerosi rappresentanti ed animatori di Laika ai quali è stato chiesto espressamente se ci fossero dei piani per realizzare un sequel di Coraline e la porta magica. Questi hanno risposto di non saperne nulla… ne di poterne comunque parlare, non confermando ne smentendo tale possibilità.

L’animatore Gabe Singer, in particolare, ha dichiarato:

“Non lo so. Discutiamo sempre internamente di come sarebbe bello poterlo realizzare. Ma non abbiamo sentito niente.”

Insomma, le possibilità che un sequel di Coraline venga effettivamente realizzato non sembrano essere così elevate, ma già il fatto che se ne parli internamente all’azienda è forse segno che Laika potrebbe voler tornare sui suoi passi?

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere tramite un commento qui sotto!

Leggiamo altro?
Japan Sinks 2020: dopo le Olimpiadi di Tokyo un terremoto colpirà Netflix