Dylan Dog protagonista della prima serie tv Bonelli!

Dopo l’annuncio lo scorso estate del ritorno dei diritti di Dylan Dog in casa Bonelli, gli appassionati del personaggio creato da Tiziano Sclavi erano in attesa di un annuncio che desse seguito a questo storico ritorno a casa.

Dopo l’uscita del primo crossover bonelliano la scorsa estate e il recente albo firmato da Dario Argento, Profondo Nero, oggi è arrivata la bomba: Sergio Bonelli debutta nel mondo delle serie TV con una produzione dedicata all’Investigatore dell’Incubo!

Tramite Bonelli Entertainment, nuovo ramo della storica casa editrice milanese, si occuperà infatti di sviluppare altri adattamenti legati agli personaggi (non dimentichiamoci che in Bonelli sono tornati anche i diritti di Nathan Never!). L’annuncio è stato fatto tramite un’esclusiva rilasciata a Variety.

Bonelli entra nel mondo delle serie tv, con un esordio d’eccezione: Dylan Dog!

Davide Bonelli ha così commentato:

Sviluppare nuovi modi con cui le persone possano entrare in contatto con i nostri personaggi più iconici e popolari e franchise, oltre a nuovi show esclusivi, è una delle priorità del nostro studio. Stiamo investendo e creando degli show originali di alta qualità tra cui una nuova serie dedicata a Dylan Dog.

Il progetto legato a Dylan Dog attualmente prevede una serie, divisa in dieci episodi, in cui l’inquilino di Craven Road 7 affronterà minacce paranormali, come fantasmi, vampiri e zombie.

Vincenzo Sarno non ha nascosto che l’insuccesso del film hollywoodiano con protagonista Brendon Routh è stato uno dei principali stimoli per riportare in Bonelli i diritti di Dyd.

dylan dog bonelli

Sempre sull’onda di questo storico annuncio, viene specificato come si sia al lavoro anche su altri progetti, legati a nomi come Nathan Never, Mister No, Dampyr, Dragonero (con la partecipazione di RAI), Il Confine (co-prodotto da Lucky Red) e Martin Mystère.

Non ci resta che seguire con estrema attenzione l’evoluzione di questa nuova, promettente avventura bonelliana!

Potrebbe piacerti anche