Aliens: Salvezza e Sacrificio – Recensione

La versatilità dell’Aliens Universe è una caratteristica che ha consentito al canone fumettistico dedicato ai letali xenomorfi di offrire ai lettori una gamma di storie variegate e capaci di affrontare temi piuttosto interessanti. Eccezion fatta per il rapido accenno in Apocalisse, la fede non è mai stata approfondita in modo preciso nell’Aliens Universe, ma proprio in questi giorni saldaPress ha portato in fumetteria un volume che affronta anche questa mancanza: Aliens: Salvezza e Sacrificio.

Conciliare l’aspetto spirituale con la violenza e l’ambientazione di terrore di Aliens non è semplice. Ci ha provato anche Scott, inserendo una sorta di trasporto religioso nel suo Prometheus, ma si è trattato, più che altro, di una pulsione quasi filosofica, legata alla ricerca delle origini della nostra razza.

Aliens: Salvezza e Sacrificio, la fede si scontra con gli xenomorfi!

Aliens: Salvezza e Sacrificio si addentra, invece, all’interno della fede, intesa anche come rifugio e forza nel momento della difficoltà. E parlando di xenomorfi, la difficoltà non mancano certo. Per dare una certa concretezza a questa tematica, Aliens: Salvezza e Sacrificio unisce due storie realizzate da un team di artisti i cui nomi non hanno certo bisogno di presentazione.

Aliens_Salvezza e Sacrificio_LowRes RGB

Ad aprire le danze è Salvezza, che analizza la fede come elemento di speranza. Scritto da Dave Gibbons (il disegnatore di Watchmen, esatto!), in Salvezza il concetto alla base è come la disperazione di una situazione possa portare il nostro animo a cercare una via di fuga basata su una cieca fede, un modo di non cedere alla rassegnazione credendo ad una forza superiore che deve esistere solo per darci la salvezza.

Selkirk, il protagonista, è l’incarnazione di questi timori. Sopravvissuto alla schianto della propria nave, la Nova Maru, assieme all’odioso capitano Foss, Selkirk dovrà affrontare i letali xenomorfi, il cargo contenuto nella stiva della sua nave. Rimanendo nell’ottica di una visione religiosa, è come se Gibbons abbia voluto imporre al suo personaggio una sorta di punizione divina: affrontare i mostri che sta contribuendo a far diffondere.

Gibbons crea un buon contrasto tra la debolezza della fede di Selkirk, messa a dura prova da un’altra sopravvissuta, e la sua necessità di affidarsi alla spiritualità. Gli interrogativi che solitamente si associano alla fede, le grandi domande sull’esistenza e sulla presenza di una divinità che ci ascolta vengono rielaborati in questa avventura dell’Aliens Universe.

aliens salvezza e sacrificio 1

A dare forma alla trama di Gibbons è un altro maestro del fumetto americano: Mike Mignola, il padre di Hellboy. Ho sempre adorato Mignola per il suo stile spigoloso e irreale, capace però di trasmettere al meglio le emozioni di personaggi e strorie. Con Salvezza, l’artista americano non si smentisce, offrendo una rivisitazione del mito degli xenomorfi accattivante, riuscendo a non farsi intimorire dalle invadenti (graficamente) didascalie di Gibbons.

L’accoppiata Gibbons-Mignola realizza una storia davvero intrigante, ma in Aliens: Salvezza e Sacrificio è la seconda storia a rendere il volume una lettura imperdibile.

Peter Milligan ha spinto la tematica della fede contenuta in questa pubblicazione ad un livello superiore. Sfruttando una narrazione che dosa alla perfezione colpi di scena e crescendo emotivo, Milligan mostra un personaggio che incarna al meglio il concetto di fede ed accettazione del dogma, soprattutto se rapportato ai valori morali della religione.

Ann McKay è un personaggio affascinante, un punto di vista unico per valutare le sfide etiche che possono affliggere una persona di fede. La difficile integrazione di Ann nel villaggio, il comprendere le dinamiche che hanno portato i residenti ad accettare un patto con il diavolo (letteralmente), diventano i punti di forza di Sacrificio.

aliens salvezza e sacrificio 2

Se Milligan scrive una storia emozionante, non da meno è stato Paul Johnson. Le tavole di Sacrificio sono più simili a dei quadri data la loro espressività. I deliri onirici di Ann sono intensi ed incredibilmente vividi, così lo scontro finale diventa pittoricamente suggestivo.

La combinazione di queste due storie è una visione affascinante dell’Aliens Universe, ancora una volta presentato al meglio da saldaPress. La casa editrice nostrana sta continuando a rendere omaggio ad uno degli universi narrativi più entusiasmanti e ricchi dalla fantascienza. Dopo avere apprezzato Aliens: Salvezza e Sacrificio, l’appuntamento è in edicola con il quattordicesimo numero di Aliens, la serie di spillati che ogni mese arricchisce la nostra collezione di fumetti dell’Aliens Universe.

Potrebbe piacerti anche
Commenti
Caricamento...