Star Wars 28: Yoda e Poe Dameron protagonisti! – Recensione

star wars 28 cover

Star Wars continua la story line sulla guerra segreta di Yoda, per poi concentrarsi su Poe Dameron!

Continua in questo numero di Star Wars la storia relativa alla guerra segreta di Yoda, iniziata due mesi fa con quello che giudicai un espediente poco felice (ricordate il gusto imposto all’X-wing di Luke da R2D2 per andare a cercare C3PO? E Luke che nell’attesa si mette a leggere il diario di Obi Wan?). In questo episodio Yoda si imbatte in quella che è una società primitiva che è alle prime armi con la conoscenza della Forza, che incomincia a conoscere quali siano i pregi e i difetti del lato oscuro e del lato chiaro. Sembra di tornare indietro nel tempo, negli archi narrativi Legend, offuscati da un alone di mistero, de L’alba degli Jedi e, perché no, delle celeberrime Cronache.

star wars 28 copertina

Yoda si reca nel cuore della montagna, per cercare di far luce sul mistero che avvolge quel pianeta e quella particolare civiltà. Aaron ci accompagna ad esplorare il lato puramente intimistico e “fantasy” della space opera di Star Wars. La fatica e la vecchiaia di Yoda non costituiscono di certo un limite nel suo carattere e nel suo modo di agire, a dispetto de suo precedente accompagnatore. La discesa all’interno della montagna, dove dovrebbe risedere un mostro che tutto fagocita è ricca di tensione, accompagnata dai disegni di Larroca che rendono “viva “ quest’esperienza, ancor di più esaltata dalle combinazioni coloristiche di Delgado in un gioco di blu/nero, che rende quasi mistiche le tavole.

Interessante e allo stesso tempo strana la digressione del racconto su un Kenobi più anziano, già in esilio su Tatooine, la cui natura jedi è rivelata da uno strano e fugace individuo. Da lì l’illuminazione per Luke su quale possa essere la sua via per diventare un Jedi e per il salvataggio di C3PO. La rotta per il sistema di Vangaard.

Star Wars 28 1

In ultima analisi l’impressione che mi porto dietro dall’inizio dell’arco narrativo è che, nonostante il successo, La guerra segreta di Yoda vinca ma non convinca, in fondo, del tutto. Vedremo quello che ci riserverà il prossimo numero…

L’albo continua con il numero 5 di Poe Dameron, da dove continua il nuovo arco narrativo del nostro asso delle stelle della Resistenza. Dopo essersi infiltrati nel pianeta prigione Megalox Beta, alla mercé di Grakkus the Hutt, e aver incontrato la sua nemesi, l’agente Terex, Poe si riunisce con i membri del suo squadrone. L’informazione contenente l’esatta ubicazione di dove si trovi Lor San Tekka, sarà consegnata solo a chi libererà Grakkus dal pianeta. Poe ha sempre un asso nella manica, fa scattare l’operazione Orbita ,aiutato dall’immancabile BB8. Intanto Terex riallaccia vecchi rapporti con canaglie presenti sul pianeta pigrone con l’obbiettivo di uccidere le guardie di Grakkus e dopo essersi impossessato dell’informazione, eliminare Grakkus stesso. Attraverso una rivolta.

star wars 28 - 2

La squadra di Poe, senza i suoi X-wing, cerca di dirimere la situazione al meglio, con l’aiuto di BB8 e dei suoi compagni droidi, scoperti però d un gigante guardiano che mette in forse il proprio piano. Phil Noto fa un lavoro d’eccellenza , rendendo su carta i volti di Il risveglio della Forza, molto familiari. E’ molto interessante la caratterizzazione fisica che Noto conferisce a Terex, rendendolo forse uno dei villain migliori di sempre dell’universo cartaceo di Star wars. I dialoghi, limitati dalla molta azione nella parte centrale dell’albo, sono degnamente sostituiti dall’espressività dei soggetti di Noto, che, come si sa, colora egli stesso le proprie tavole. E a proposito del colore, questo da una perfetta sensazione di abbandono e desolazione degli esterni della prigione.In sintesi questo è un albo di passaggio, che punta a costruire altro e che porterà sviluppi a seguito del cliffanger finale. La speranza è che l’obiettivo di Poe e dei compagni, ovvero la ricerca di Lor San Tekka non si perda in qualche sottotrama.

Alla prossima cono l’ultimo atto della guerra segreta di Yoda e la continuazione dell’arco narrativo “In isolamento”.

Leggiamo altro?
La recensione di Villainous: il gioco dove i cattivi Disney trionferanno!