Anche quest’anno, al GenCon, grattacieli di carte collezionabili sono stati distrutti per beneficenza. Ecco la storia del Cardhalla

Ormai sono già un paio di decenni che partecipo alle diverse “nerd convention” organizzate in giro per il mondo ma, per un motivo o per l’altro, non ho avuto mai la fortuna (o l’occasione) di poter fare un salto al GenCon, l’evento dedicato principalmente ai giochi da tavolo che si svolge ogni anno, sin dal 1968, ad Indianapolis. Questo nonostante la passione per i board games mi accompagni ormai da molti anni e viaggiare oltreoceano, oggi, sia più facile ed “economico” di un tempo (ergo, organizziamoci per l’anno prossimo!).

Girovagando quindi nella rete per informarmi sulle ultime novità della kermesse statunitense, ho iniziato ad imbattermi in alcune curiose immagini che, in realtà, avevo già intravisto negli anni passati, senza dargli però troppo importanza.

Incuriosito dalle gigantesche torri realizzate attraverso delle carte di Magic: The Gathering, ho scoperto la storia dietro al Cardhalla, un evento nell’evento, nato spontaneamente nel lontano 1999.

Durante i giorni del GenCon, i visitatori sono infatti invitati a realizzare, in un’area dedicata e recintata, una vera e propria città di carte collezionabili provenienti da svariati card game e donate per l’occasione. Qui vengono innalzate torri, grattacieli e composizioni di ogni tipo che, il sabato notte, vengono poi distrutte lanciando delle monetine provenienti dalle tasche degli stessi visitatori.

“Build. Donate. Destroy.” – Il motto del Cardhalla

Queste sono poi recuperate dagli organizzatori del Cardhalla, che devolveranno l’intera somma raccolta (letteralmente, e non senza qualche difficoltà) in beneficenza.

 

Un modo divertente per sentirci dei “nerd migliori”… e liberarci anche di quelle tonnellate di carte di Magic senza valore che stanno prendendo la polvere nel nostro scantinato.

Cosa ne pensate? Conoscevate già il Cardhalla? Fatecelo sapere tramite un commento qui sotto!

Leggi anche

Coaster Park: È tempo di costruire (e testare) le nostre montagne russe personali

Pandasaurus Games ha annunciato l’arrivo di Coaster Park, un gioco da tavolo in cui …