Aliens Defiance 4, Escissione e Controllo Ambientale – Recensione

Aliens Defiance torna in edicola, svelando una delle paure ereditate dal precedente numero!

Questo mese la nostra fame di avventure nell’universo di Aliens deve accontentarsi solo di uno dei due fumetti solitamente editi da saldaPress, visto che la serie Fire and Stone si prende una piccola vacanza per tornare in piena forma a settembre.

Tocca quindi ad Aliens Defiance tenere alto il nostro amore per gli xenomorfi, proseguendo la storia che vede Zula Hendricks affrontare la minaccia dei letali alieni. La missione che Zula e il sintetico Davis stanno perseguendo diventa sempre più difficile, costretti a sfuggire alla caccia all’uomo che li vede come ambite prede da consegnare alla Weyland-Yutani.

aliens defiance 4 copertina
La copertina del quarto albo di Aliens Defiance

Nello scorso numero di Aliens Defiance, al duo di fuggiaschi si era unita anche la dottoressa Hollis, unica sopravvissuta della stazione rifornimento Wrigth-Abrera, infestata dagli xenomorfi e teatro di uno scontro con i marines coloniali, trasformatosi in una vera e propria carneficina. Ma il punto di massima tensione dello scorso albo riguardava un certo esame a cui si era sottoposta la Hollis, in seguito ad un contatto ravvicinato con un facehugger: la dottoressa è diventata un’ospite?

Dopo un mese di attesa, scopriamo finalmente (non che la cosa fosse in dubbio) che prima di essere eliminato da Davis 1, il facehugger aveva svolto il suo compito, e la Hollis è effettivamente diventata un’incubatrice vivente per uno dei letali xenomorfi. Quello che è un colpo di scena abbastanza prevedibile si trasforma rapidamente in una svolta narrativa che permette di dare maggior profondità al personaggio della dottoressa, grazie ad una visione lucida e fredda della sua ostinazione nel non cedere alla paura, ma svolgere al meglio la sua funzione di scienziata.

aliens defiance 4 thompson
Aliens Defiance mostra la determinazione di Hollis

Hollis, avvisati i suoi compagni di viaggio della sua situazione, decide di rimuovere lo xenomorfo dentro di sé, ma non di eliminarlo, bensì di studiarlo per scoprire i punti deboli di una razza così letale.

Se Wood cura questa tempra d’acciaio della dottoressa in modo ottimo, riesce a superarsi nel dare a Davis 1 e Zula un’ennesima profondità psicologica che valorizza le dinamiche tra i tre personaggi. Il sintetico riesce ad essere sempre più umano, una progressione emotiva che diventa palese attraverso i discorsi delle sue due compagne di avventura, che in più di un’occasione notano i suoi cambiamenti.

Non da meno è Zula, che inizia a mostrare cenni di cedimento, come se la catena degli eventi stesse finalmente divenendo troppo gravosa per la marine. La sua incapacità di reazione durante l’asportazione dello xenomorfo e i deliri vissuti nella secondo parte dell’albo per l’ipossia sono i segni di una donna che, per quanto determinata, sta giungendo al limite, a rischio di spezzarsi.

Nel canone di Aliens, sono sempre le donne a mostrare una tempra superiore, e tutte (compresa Ripley) giungono ad un punto in cui paiono sconfitte, costrette a scegliere tra l’arrendersi e il risollevarsi e lottare ancora più duramente. Zula si trova sempre più vicina a questa scelta, conscia che la sua decisione potrebbe influire non solo sulla vita dei suoi compagni di viaggio, ma anche influenzare la società.

Aliens Defiance con questo albo sfrutta il pathos in modo perfetto, partendo dai presupposti dello scorso numero per dare alla serie una spinta emotiva precisa. Il mese scorso abbiamo letto un duo di storie (in Italia, saldaPress presenta due numeri al mese al posto di uno) che spingeva maggiormente sull’azione, coinvolgendo il lettore con l’adrenalina e gettando le basi della narrazione più psicologica e ‘tranquilla’ di Escissione e Controllo mentale. Le sfumature delle diverse uscite a volte non sono percepite, come spesso accade per una miniserie, per via delle pause fra un numero e l’altro, ma valutando la storia nella sua interezza, l’ottima costruzione di Wood è innegabile, un intreccio che valorizza sia l’ambientazione di Aliens che i personaggi coinvolti in questa serie.

aliens defiance thompson saldapress
Aliens Defiance non lesina la tensione ai personaggi ed ai lettori!

Con questo numero di Aliens Defiance, alle copertine il nostro Massimo Carnevale viene sostituito dalla francese Stephanie Hans, che usando un diverso stile riesce a comunque a trasmettere un buon senso di violenza e pericolo con una tavola che, pur non in linea con il momento raccontato nell’albo, trasmette lo spirito della miniserie.

I disegni all’interno dell’albo sono opera di Stephen Thompson per Escissione e di Tony Brescini per Controllo Ambientale, con la colorazione pulita e in tono con la narrazione di Dan Jackson. Thompson ha il difficile compito di realizzare le tavole di uno di momenti più intensi della storia finora, quello dell’operazione di Hollis, compito svolto impeccabilmente, grazie ad un lavoro preciso di inquadrature ed espressioni facciali, perfette rappresentazione dell’orrore e dell’ansia dei personaggi.

Brescini si trova a realizzare i deliri della seconda parte dell’albo, passando dall’onirico al reale, coinvolgendo e sorprendendo il lettore, con la difficoltà di dover trasmettere il senso di movimento nel vuoto pneumatico dello spazio. Operazione riuscita, con una buona resa empatica che lega il lettore alle pagine.

aliens defiance brescini saldapress
Aliens Defiance reso al meglio dal duo Brescini-Jackson

Come da tradizione, saldaPress vuole che il lettore si senta parte integrante dell’universo di Aliens, e Francesco Tedeschi, negli extra dell’albo, siede in cattedra per un’interessante lezione di xenobiologia, grazie alla quale alcuni dettagli della storia appena letta iniziano a prendere una piega non proprio piacevole per i nostri eroi. Molto interessante anche il parallelo fra le diverse gravidanze viste nella saga cinematografica.

Il prossimo appuntamento con Aliens Defiance è fissato per il 25 agosto, quando tutta la tensione accumulata da Zula verrà messa a dura prova dalle lusinghe di una cura per la sua precaria salute. Ma come fare con lo xenomorfo a bordo dell’Europa? La risposta ci attende nel numero di agosto di Aliens Defiance!

Mostra Commenti (0)
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments