Star Wars: svelato il mistero della spada laser verde di Luke!

Svelato il mistero della spada laser verde di Luke Skywalker de Il Ritorno dello Jedi

È già da un po’ di giorni che parliamo delle armi legate alla saga di Star Wars: dalla spada laser di Anakin che sembrerebbe definitivamente diventata di proprietà di Rey fino al nuovo blaster di Finn sfoggiato da John Boyega.

Tutti i fan di Star Wars sanno benissimo che la spada laser di Luke Skywalker cambiò colore durante la trilogia originale: dal blu dei primi episodi diventò improvvisamente verde ne Il ritorno dello Jedi.

Perché la spada Laser di Luke Skywalker è verde?

Inizialmente, nelle mente fantasiosa di George Lucas, c’era posto solo per due colorazioni delle spade laser: il blu per quelle dei Jedi ed il rosso per i Sith. Così doveva essere per tutta la trilogia originale e così è stato per Episodio IV ed Episodio V (ovvero il primo ed il secondo film della saga in ordine di uscita nelle sale).

Luke Skywalker Spada Laser

Ne Il Ritorno dello Jedi (Episodio VI), l’ultimo della trilogia originale, l’ormai consapevole e tutt’uno con Forza Luke Skywalker sfoggiò una nuova spada laser verde.

Per quale motivo, dunque, si ebbe questo cambiamento se lo stesso George Lucas aveva immaginato un’unica dualità di colori, quasi a rappresentare l’essenziale contrapposizione tra bene e male?

Moltissime sono state le teorie dei fan, ma la risposta ufficiale è stata data qualche giorno fa da Pablo Hidalgo, direttore creativo di Lucasfilm, che ha spazzato via ogni ipotesi misteriosa riguardo la spada laser verde.

Nel blu dipinto di blu

Né la Forza né l’addestramento Jedi c’entrano qualcosa, né il fatto che ogni Jedi debba costruirsi una propria spada laser personale, anzi, il cambio di colore è da attribuire esclusivamente a esigenze cinematografiche; in poche parole a necessità tecniche dovute alla location dove si svolsero alcune riprese.

In Episodio IV ed Episodio V, la maggior parte dei duelli sono ambientati per lo più all’interno di navi imperiali, in pratica in ambienti chiusi; ne Il ritorno dello Jedi, al contrario, le prime scene hanno come sfondo il deserto ed il cielo azzurro, quindi la spada blu non avrebbe avuto il contrasto necessario per spiccare ed essere ben visibile, rischiando di confondersi con lo sfondo del cielo.

Il cambio di colore è quindi stato deciso durante le riprese semplicemente per questioni tecniche, non vi è mai stato un significato più profondo o mistico.

Tuttavia, questa scelta puramente tecnico-cinematografica, con l’arrivo della trilogia prequel e dell’Universo Espanso prima, ha poi suggerito di introdurre nuovi colori per le spade laser, questa volta sì con un preciso significato per ogni variante cromatica: il verde è per i Jedi caratterizzati da una forte calma e da alte qualità morali (Yoda docet), mentre il blu è per gli abili spadaccini e guardiani della pace (Anakin e Obi Wan Kenobi per esempio).

Il viola, invece, sembrerebbe riferirsi a chi padroneggia sia le tecniche Jedi che quelle del Lato Oscuro (hai capito il nostro Mace Windu!). A tal proposito però c’è da registrare che a chiedere il colore viola fu proprio l’attore Samuel L. Jackson, richiesta accontentata dalla produzione senza addurre ad alcun particolare legame con la teoria dei colori delle spade laser.

Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere in un commento qui sotto!

Fonte: Comicbook