Mobile Suit Gundam Thunderbolt December Sky: arriva al cinema l’ultimo film della celebre saga!

Mobile Suit Gundam Thunderbolt: December Sky, edizione director’s cut dei primi quattro episodi della serie animata, arriverà nei cinema italiani a maggio

In occasione dell’evento “Anime al Cinema”, arriva nelle sale italiane, nelle date del 16 e del 17 maggio, l’ultimo atteso film: Mobile Suit Gundam Thunderbolt December Sky – The Movie, distribuito da Nexo Digital e Dynit. Il film è ambientato durante la Guerra di un anno, uno dei più assurdi e fratricidi conflitti di tutta la mitica saga tratta dal manga di Yoshikazu Yasuhiko.

Si tratta di una pellicola della durata di 70 minuti, che conterrà sequenze realizzate appositamente per l’evento e non presenti negli episodi della serie animata andati in onda sul web.

Ecco il trailer:

Qui invece trovate invece la sinossi del film:

La storia si apre nel settore Thunderbolt, una zona spaziale sconquassata di continuo da imponenti fulmini, che poco tempo prima ospitava la colonia di Side 4, Mua. Qui è facile avanzare di grado: basta sopravvivere abbastanza a lungo alla carneficina infinita perché l’avanzamento sia assicurato. Completamente distrutta da un’azione bellica, l’area presenta ora un desolante panorama di detriti, utilizzati da uno sparuto gruppo di soldati di Zeon come nascondiglio per i loro appostamenti.

I cecchini della Divisione Living Dead sono sfruttati come cavie per il nuovo Psycho Zaku, che solo un menomato privo sia di mani che di piedi può manovrare. I loro avversari sono i sopravvissuti di Side 4, appartenenti all’Esercito della Federazione Terrestre.

In questo conflitto, che si è subito portato via tutti i veterani di guerra e che esige ingenti perdite ad ogni scorreria, non sorprende che i combattenti si affidino alla musica per trovare conforto: in particolare il jazz per il pilota Io Fleming, cui verrà affidato un Gundam sperimentale, scelte ancora più retrò per il più forte dei suoi avversari della Divisione Living Dead, Daryl Lorenz.

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere con un commento qui sotto.