La Cina prende il controllo dei giochi mobile sul suo territorio

Cina prende il controllo dei giochi mobile

La Cina prende il controllo dei giochi mobile pubblicati all’interno dei propri confini, e lo fa con inserendo un trafiletto all’interno del nuovo regolamento sulle pubblicazioni dei media.

L’approvazione della domanda di pubblicazione sarà subordinata alla trama, al contenuto, alla caratterizzazione dei personaggi e così via, e saranno ristrette le opere che coinvolgono temi politici, militari, etnici o religiosi.

Questo è la realtà alla quale dovranno sottostare tutti coloro che vorranno pubblicare un videogioco per dispositivi mobili sul territorio cinese. Dal 1° di luglio occorrerà infatti che lo stesso governo cinese dia l’approvazione alla pubblicazione, riservandosi il diritto di controllare anche i giochi che sono già stati rilasciati in passato e che sono oggi reperibili sui vari store online. La nuova regolamentazione prevede inoltre che, una volta pubblicato il videogioco, si faccia rapporto alle autorità qual’ora questo venisse modificato.

Con un’economia in continua espansione e un mercato che vanta milioni e milioni di gamers, pensate che i grossi publisher andranno contro alla dittatura in atto in Cina?

...e questo?
Gwent in italiano
Gwent: il gioco di carte di The Witcher è ora su Steam, gratis