Ancora critiche a Shining da parte di Stephen King

critiche a Shining da parte di Stephen King

Dopo 36 anni trascorsi dall’uscita nelle sale dell’adattamento cinematografico del romanzo di Stephen King, Shining, il celebre autore ha ancora parole al veleno per l’operato di Stanley Kubrick. Una polemica ben nota che sembra non trovar una fine, quella generata dal romanziere, che intervistato da Deadline ha espresso ancora una volta le sue “perplessità” circa la pellicola.

Penso che Shining sia un bel film, con un look splendido, ma, come ho già detto in precedenza, è come una meravigliosa Cadillac senza alcun motore sotto al cofano. Da questo punto di vista, molte recensioni del tempo non sono state molto favorevoli e la mia opinione rientrava sicuramente in questo segmento. Ho tenuto la bocca chiusa all’epoca, non è che me ne fregasse poi molto Nel film il personaggio di Jack Torrance è del tutto privo di un arco narrativo. Non c’è nemmeno la parvenza di una cosa del genere. Lo vediamo all’inizio del film nell’ufficio di Ullman, il manager dell’hotel, e poi, ecco lo sai, è già del tutto folle. Tutto quello che fa è limitarsi a impazzire sempre di più. Nel libro è una persona che lotta per mantenere la sua sanità mentale e, alla fine, perde la battaglia. Per me questa è una tragedia. Nel film non avverti nulla di ciò, perché non c’è alcun effettivo cambiamento. L’altra grande differenza è nel finale. Nel mio libro l’hotel esplode. Alla fine del film di Kubrick è tutto congelato. Una differenza di non poco conto. Ho incontrato Kubrick e non c’è il benché minimo dubbio sul fatto che fosse una persona intelligente. Ha dato vita a film molto importanti per me, come Il Dottor Stranamore e Orizzonti di Gloria. Ha fatto cose splendide, ma aveva comunque una mentalità molto chiusa. Nel senso che quando lo incontravi e parlavi con lui, era in grado di interagire in modo perfettamente regolare, ma ti dava l’impressione di non essere davvero lì. Era racchiuso in sé stesso.

Nel corso dell’intervista l’autore ha anche affermato che le sue preferenze, in quanto ad adattamenti cinematografici delle sue opere, ricadono su Stand by Me e Le Ali della Libertà.

Fonte: BadTaste

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed
Leggiamo altro?
Jupiter's Legacy
Jupiter’s Legacy: ecco le prime immagini dello show TV Netflix